Aziende italiane virtuose nel green

0
134

Quasi 1/3 delle aziende italiane investe nel green. Sono 355mila le aziende italiane, il 27,1% del totale, che dal 2011 hanno investito in tecnologie green per ridurre l’impatto ambientale, risparmiare energia e contenere le emissioni di CO2. Una quota che sale al 33,8% nell’industria manifatturiera. Lo dimostrano i numeri di GreenItaly 2017, l’ottavo rapporto di Fondazione Symbola e Unioncamere. Il rapporto misura e pesa la forza della green economy nazionale: più di un’impresa su quattro dall’inizio della crisi ha scommesso sulla green economy, che in Italia significa più ricerca, innovazione, design, qualità e bellezza – spiegano gli organizzatori -. L’orientamento green si conferma un driver strategico per il made in Italy, traducendosi in maggiore competitività, crescita delle esportazioni, dei fatturati e dell’occupazione. Nel 2017 – stando al rapporto – si è registrata una vera e propria accelerazione della propensione delle imprese a investire green: lo scorso anno 209 mila aziende hanno investito su sostenibilità ed efficienza, con una quota sul totale (15,9%) che ha superato di 1,6% i livelli del 2011. Cambiamenti negli acquisti e nei comportamenti spingono e si incrociano con cambiamenti nella modalità di produzione: l’economia si modifica a seconda delle scelte che fanno i cittadini. La propensione al cambiamento in senso green inoltre rende più competitive le imprese e si sposa spesso con una grande attenzione all’innovazione tecnologica e alla coesione sociale: spesso tali imprese hanno rapporti migliori con i lavoratori e con le comunità.